5 DOMANDE SULL’E-COMMERCE CHE VORRESTE FARE E NON AVETE MAI AVUTO IL CORAGGIO DI FARE.

Quanto costa aprire un'e-commerce? Quanto si guadagna? Come si fa a gestire un e-commerce? Come trasformare gli utenti in clienti? On line si fidelizza?



Tutti noi, esperti e scaltri navigatori del web e surfisti delle ultime tendenze, sappiamo bene che complici la pandemia innescata dal coronavirus, le chiusure dei negozi fisici, la permanenza forzata a casa delle persone il volume d’affari degli e-commerce nell’ultimo anno è lievitato.


Alla percezione però, i più scaltri, avranno già affiancato dei numeri come:


-il volume di 22 miliardi e 700 milioni di euro.

-la crescita di oltre il 25%.

-l’aumento della penetrazione di 2 punti percentuali dello shopping on line sul fatturato retail.


E così che, alla luce di questi dati che segnano inequivocabilmente come gli acquisti on line facciano parte delle abitudini degli italiani, anche i retailer più scettici si son trovati a pensare strategie omnicanale, mettendo, anche con una certa premura, la voce “creazione e-commerce” nella loro to do list.


Ma lo scettico è scettico perché si pone delle domande, che spesso però non ha il coraggio di fare. Così abbiamo fatto come Marzullo insegna, ci siam fatti 5 domande e ci siam dati 5 risposte.


1. Quanto costa aprire un e-commerce?

2. Quanto si guadagna con un e-commerce?

3. Come si fa a gestire un e-commerce?

4. Come trasformare gli utenti in clienti?

5. On line si può fidelizzare?


Quanto costa aprire un e-commerce?

Non è mai bello rispondere ad una domanda con una domanda, ma, chiedereste mai: “Quanto costa una casa?” o “Quanto costa una vacanza?” o “Quanto costa un negozio?”.

Domande così generiche non possono avere risposte uniche e soddisfacenti.

Chi ve le ha date, ahimè, nel migliore dei casi non vi ha aiutato… nel peggiore vi vuole truffare. Da buoni scettici, vi consigliamo di andare a fondo, definire con maggiore precisione l’entità del business che si vuole trasportare su e-commerce, le aspettative di guadagno e la volontà o capacità di investimento. Da qui, un buon consulente saprà certamente darvi un’idea di costo credibile, calcolata su di voi, il vostro prodotto e le vostre necessità.

E passiamo così con agilità alla seconda domanda.


Quanto si guadagna con un e-commerce?

Se abbiamo capito che il costo è condizionato da quanto vogliamo investire e quanto desideriamo ricavare, capiremo che anche il guadagno è in qualche misura legato a questi parametri. Esattamente come per un negozio fisico, più investi in comunicazione, pubblicità, posizionamento, iniziative etc, più saranno alte le mie probabilità di guadagno.

Un plus e un minus. Il plus è che le previsioni non tengono conto della qualità del tuo e-commerce e della tua comunicazione, che, se ben fatte sapranno sicuramente accelerare il tuo digital business. Il minus è che le previsioni non sono certezze, ma questo non è l’e-commerce… se la vie.


Come si fa a gestire un e-commerce?

Qui ci sentiamo di essere sinceri: affidatevi a qualcuno, un digital partner o un digital department esterno. Essere on line senza competenze specifiche, senza conoscenze di inbound marketing e di tutti gli strumenti necessari per intercettare il pubblico è avere un negozio nel punto più nascosto del mondo.

Se vi siete fidati di chi vi ha presentato un preventivo ragionato, vi ha fatto una stima dei guadagni, fidatevi di lui anche nel mettere on line e seguire il vostro e-commerce. Punto.


Come trasformare gli utenti in clienti?

Tutto il mercato online si basa su un semplice assunto: far trovare agli utenti quello che cercano, nel momento esatto in cui lo cercano. Questa è l’unica regola che permette di trasformare un utente che naviga per le rotte di internet in un cliente. Un vostro cliente.

Certo non è facile, ci sono diversi strumenti da mettere in campo e investimenti da fare, ma se avete letto i numeri all’inizio dell’articolo e siete arrivati fin qui, siamo sicuri sarete disposti a fare.


On line si può fidelizzare?

Altroché si fidelizza, anzi, il passaparola della propria clientela fidelizzata che recensisce e commenta sui social è la migliore vetrina per qualsiasi prodotto e brand si affacci al commercio on line. Certo, non è l’e-commerce in sé a fidelizzare, ma la qualità del servizio che saprete offrire in termini di: esperienza di acquisto, customer service, pagamenti, tempistiche eccetera eccetera.


Cari scettici siamo qui.

5 risposte per uno scettico non sono nulla, quindi siamo a vostra disposizione per dissipare ogni dubbio… tra l’altro il nostro motto è “Every new story starts with a question”, quindi aspettiamo le vostre.





12 visualizzazioni0 commenti